cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Muoio e rinasco come voglio. Il mio amore è miracolo.. …E rinasce la Vita colore di presenza Léopold Sédar Senghor.

L’amore al centro Editoriale

Inun tempo in cui la coppia e la famiglia si percepiscono attraverso le deformazioni della lente mediatica, abbiamo il compito non facile di leggere e di interpretare con occhi sgombri da pregiudizi gli imponenti cambiamenti culturali che incidono sulla concezione del matrimonio, nonché la sempre più marcata fragilità che investe in particolare il mondo delle coppie giovani. Per aiutarle a (ri)mettere l’amore al centro.

Matrimonio: evoluzione e tendenze di Pietro Boffi

Per sempre, nonostante tutto di Francesco Belletti

Pochi altri luoghi, come la vita di coppia, continuano ad essere sinonimi, nell’immaginario collettivo, di speranza, di apertura al futuro. Di felicità. Forse è questa la ragione per cui, “nonostante tutto”, ci si sposa ancora. In questa scelta è implicata una domanda di senso religioso, talvolta incerta ed oscura, ma non per questo meno significativa.

Un matrimonio aperto alla Trascendenza di Giacomo Garino

Il matrimonio, nella concezione cristiana, è il segno (sacramento) di un patto sponsale tra Dio e il suo popolo. Un’alleanza fondata sull’amore. L’Autore esamina alcuni passaggi delle Scritture per dimostrare come questa relazione sponsale sia aperta alla Trascendenza.

Un disegno d’amore di Giancarlo Grandis

Il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia è essenzialmente un disegno d’amore. In particolare il matrimonio è il luogo primario in cui l’essere umano esperimenta la sua capacità di entrare in relazione con Dio attraverso il rapporto d’amore con un altro. Dove un uomo e una donna si amano di un amore sincero e profondo, lì si manifesta l’amore di Dio. Un disegno davvero grande!

Vivere il cambiamento di Sergio Riccardi

Il cambiamento è sempre un valore? La risposta a questa domanda è abbastanza complessa, ed è spesso collegata al nostro atteggiamento nei confronti del reale: può essere pertanto ideologica. Si potrebbe dire che è un valore, ma solo in riferimento a un altro valore. In definitiva, però, è un dato di fatto e in quanto tale va gestito. Ed è l’essere umano a doverlo fare con le sue scelte (che hanno sempre un costo…).

Vivere con simpatia il rapporto con il mondo di Valeria e Tony Piccin

Il rapporto con il mondo è spesso ambivalente, in particolare tra icristiani, è spesso ambivalente, teso tra attrazione e repulsione. E induce spesso a due atteggiamenti opposti: estraniarsi o lottare. Gesù ci ha detto di essere nel mondo, ma non del mondo. Che cosa implica tutto questo per la famiglia?

Che cosa farò da grande? di Aldo e Cinzia Panzia Oglietti

Si tratta di una domanda che spesso i nostri figli ci rivolgono, o che noi rivolgiamo loro: che cosa farai da grande? Vi è implicato il tema forte della vocazione che, da parte dell’educatore, va sempre aiutata, assecondata, indirizzata al servizio, Su questo piano la famiglia, con la sua pastorale “casalinga”, ha una funzione molto importante, non esclusa quella di far maturare anche vocazioni sacerdotali.

Per una politica familiare di Luigi Lombardi

In questa breve rassegna il Presidente delle Associazioni Familiari del Piemonte traccia le linee guida di un programma per una politica familiare. Una politica che sarà veramente realizzabile solo quando le famiglie avranno la piena consapevolezza di essere soggetti attivi e non oggetto di politica.

pdf Il nuovo rito del matrimonio 1 (640 KB)

L’Autore analizza la situazione della famiglia oggi in Italia. Gli indicatori che prende in esamesono la spia di una complessità dellafamiglia italiana non riducibile ad alcuni frequenti stereotipi. Nel complesso si può affermare che la famiglia in Italia tiene ancora, mentre il matrimonio, come legame istituzionale della coppia pubblicamente e socialmente riconosciuto, sembra tener meno, rimpiazzato dalla cosiddetta “convivenza”. Ma pare emergere un’inversione di tendenza…

Cani di paglia? di Luigi Ghia

Qual è oggi il modello culturale emergente, a livello familiare e sociale? L’ipotesi presa in esame dall’Autore per rispondere a questo interrogativo si focalizza sulla privatizzazione dei comportamenti.

Dopo aver definito questo concetto, egli prende in considerazione i vari modelli culturali in cui nasce il fenomeno, nonché i contesti in cui esso principalmente si sviluppa: la famiglia, l’economia, la politica, l’etica, la religiosità. E conclude con una proposta utopica (ma forse non irrealizzabile…).