cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

 

 

 

Dalla legge all’agape

(Editoriale)

Diritti e doveri nell’ottica familiare

(Sergio Riccardi)

Discepoli, come Maria

(Alberto Maggi)

Il corpo, dono per la vita(Aldo e Cinzia Panzia Oglietti)

Quando è la famiglia a decidere uno stile di vita

(Giusy Viarengo-Dino Barberis)

Diversamente abili

(Giorgio Ghia)

Dalla legge all’agàpe

Editoriale

Discutere sui diritti e i doveri in àmbito familiare implica la ricerca di alcuni quadri interpretativi nell’orizzonte di un riconferimento di senso alla civiltà del diritto. Questo editoriale ne individua tre: uno di carattere giuridico, un secondo di natura antropologica ed il terzo sul piano storico. Si tratta dunque di un tema complesso soprattutto in un contesto sociale come il nostro in cui si evidenzia in modo sempre più urgente la necessità di un ethos mondiale.

Diritti e doveri nell’ottica familiare

di Sergio Riccardi

Qual è il significato delle parole “diritti” e “doveri”? La domanda è importante in quanto si tratta di termini usati spesso in accezioni diverse, talvolta superficiali. L’Autore fa il punto su questo problema collocandosi soprattutto in una prospettiva familiare e corredando l’articolo con una approfondita “revisione di vita”.

Famiglia che cambia, famiglia che muore

di Luisa Ribolzi

Analizzare i diritti e i doveri della famiglia, significa cogliere la sua centralità nella storia umana, una centralità che va non soloaffermata, ma promossa. L’Autrice analizza in questa prospettiva la variabilità e la stabilità della famiglia, la parità o la indifferenza dei generi, il rapporto tra famiglia e generazioni.

Famiglia valore sociale

di Luigi Lamma

Il diritto della famigliaad essere considerata nei fatti un elemento portante della vita sociale viene qui enfatizzato dal Direttore dell’Ufficio delle Comunicazioni sociali della diocesi di Carpi.

Lavorare in favore delle famiglie, al di là delle ideologizzazioni di parte, rappresenta un impegno per rinnovare la società.

Dio Padre e Madre

di Michele Colella

La riflessione biblica di questo numero prende in considerazione una relazione di famiglia: Dio è per ognuno di noi Padre e Madre.

Questa relazione ristruttura il rapporto tra uomo e donna, tra Chiesa e società, conferendo loro un carattere di tenerezza.

 Discepoli, come Maria

di Alberto Maggi

Da madre di Gesù a discepola del Cristo: questo è stato il lungo e travagliato cammino di Maria che, come ogni discepolo degno

del nome, ha accettato di prendere su di sé la croce per seguire il Maestro. Maria è stata capace di accogliere la parola di Gesù e

di credere al di là di ogni evidenza; per questo anche a ognuno di noi, come a Giovanni, Gesù dice: “Ecco tua Madre”!

Educatori responsabili

di Antonia Fantini

Il dovere fondamentale di un genitore è di essere un “educatore” e soprattutto un educatore responsabile: una responsabilità

irrevocabile che impone di accettare le conseguenze delle proprie scelte e di educare i figli alla libertà e alla responsabilità.

Un compito che mette sempre in cammino ogni educatore.

Il corpo, dono per la vita

di Aldo e Cinzia Panzia Olietti

La vita, dal suo inizio fino al termine, è un diritto o un dono? Su questa questione si incentra oggi il dibattito

etico, spesso con accenti anche molto vibrati ed intensi.

La tesi qui sostenuta è che la vita è un dono e che dunque, in quanto tale, essa va accolta, curata e rispettata.I genitori hanno

il dovere di insegnare ai figli l’amore e il rispetto del proprio corpo, di un suo uso corretto,dell’accettazione dei propri limiti, compreso

quello della morte.

E di amare e rispettare il corpo degli altri.

Quando è la famiglia a decidere uno stile di vita

di Giusy Viarengo e Dino Barberis

In due brevi ma vivaci contributi, una famiglia ed un prete astigiani affrontano, da un punto di vista esperienziale e teorico, il tema degli stili di vita. Occorre avere il

coraggio, in un contesto sempre piùconsumista e con la vocazione allo spreco, di testimoniare il valore della sobrietà e

di fare le scelte, purtroppo non ancora molto apprezzate e comprese, del boicottaggio dei prodotti di quelle industrie che sfruttano sistematicamente i paesi del

“terzo” mondo, e dell’acquisto alternativo di quei prodotti per i quali, all’origine, i produttori non sono stati sfruttati da speculatori e da distributori senza

scrupoli.

 Dossier Impegnarsi oggi.

Una sfida