cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Amoris Laetitia

Amoris Laetitia

Mappa

Il pastore bello

Editoriale

Nella versione greca dell’Evangelo, il pastore – definito nella traduzione italiana con l’aggettivo “buono” – è in realtà “bello”.Si tratta del riconoscimento massimo per una persona, e Gesù in effetti è, come ricorda Benedetto XVI, il pastoreche ci segue tra le spine e i deserti della vita, e per noi egli stesso è la vita. La porta per entrare nel Regno,luogo di incontro di tutti i poveri e gli affaticati.

Il salmo del pastore

di Marino Gobbin

L’uomo e la donna di oggi sono alla ricerca di sicurezza, di una di guida. Umiliati e senza speranza, cercano un luogo sicuro per trovare un senso all’esistere. Con grande attenzione esegetica e con sensibilità pastorale,don Marino ci guida alla conoscenza del salmo 22 (23), il salmo del pastore, una preghiera la cui attenta lettura e meditazione può rivestire una funzione terapeutica.

Amore e amicizia

di Maria Poletto

L’amore e l’amicizia sono sentimenti che fanno parte delle nostrerelazioni più profonde, sentimenti così intensi da apparire indicibili con parole umane. Eppure oggi sono parole abusate, banalizzate, tradite. Vanno riscoperte nella loro pregnanza più significativa perché possano mettere radici nella profondità del cuore.

C’è qualcuno che comanda qui?

di Giovanni Scalera

Partendo da un’esperienza vissuta, il nostro redattore prende in considerazione il rapporto esistente tra autoritàe comando, tra obbedienza e sottomissione. Il contesto attuale non ci aiuta certo a vivere in modo correttoquesterelazioni, soprattutto a causa dei pessimi esempi offerti da coloro che detengono il potere: un vero insulto alla dignità umana.

La follia di Gesù

di Gabriella Del Signore

Qual è il disegno ultimo del Regno di Dio? Come ricorda l’evangelista Giovanni nel brano di Nicodemo, è quello di rinascere, dall’alto, non dalla carne, un nascere nuovo. Una rinascita che rappresenta per tutti un dono di Gesù, il pastore bello.

Quando il pastore è estraneo

di Stefano Zerbini

Il concetto di estraneità non si gioca sulla dinamica “presenza-assenza, ma sulla base della visione sponsale della propria vocazione. Questo a tutti i livelli, e dunque anche sul piano dell’impegno pastorale. Un pastore si fa estraneo quando divorzia dalla sua comunità, quando diventa un separato in casa. Il pastore che ama la sua comunità, che non è estraneo ad essa, non si allontana, vi si immerge. La fa crescere.

La vigilanza

di Valeria e Tony Piccin

Qual è il significato profondo della parola “vigilare”? In un mondoaddormentato, disattento, non reattivo, la virtùdella vigilanza implica, dicono gli Autori, l’esserci e l’esserci come profeti, con i piedi ben saldi sul presente, ma sempre attenti al futuro e alla responsabilità che assumono le nostre scelte. Forse non tutti riescono ad essere vigilanti, ma la parola di Dio non cessa di raccomandare questa virtù.

La sindrome di Peter Pan

di Antonia Fantini

Una delle condizioni più frequenti dei nostri giorni è la paura di crescere, la sindrome di Peter Pan, appunto.Sintomo di immaturità, di mancanza di fermezza e di flessibilità, paura di compromettersi. Una sindrome presente in molti genitori ed educatori, che impedisce a chi è affidato alla loro responsabilità educativa di diventare adulto,dotato cioè di autonomia e responsabilità.

Possibile… ma anche lecito?

di Paolo Mirabella

La scienza e la tecnica oggi fanno passare il seguente messaggio: se una cosa è possibile, essa è di fatto anche lecita. Ma se da un lato occorre riconoscere che in realtà non tutto è possibile, e riscoprire dunque il sensodel limite, dall’altro lato occorre inserire questo limite nella riflessione etica, partendo dal presupposto fondamentaleche di fronte alle molteplici possibilità che ci vengono offerte dalla vita, la nostra libertà deve tenere conto non solo della responsabilità verso noi stessi, ma anche di quella verso gli altri.

pdf    Coniugalità e genitorialità

I giovani, la fede e il discernimento vocazionale.

giovani francesco

Webinar AL per sacerdoti e seminaristi

25° Anniversario della morte di Don Tonino Bello

 

molfetta porto

 

.Buco nero: Attirerò tutti a Me.

Puoi IMPARARE solo se ASCOLTI

Festival dell’economia civile Firenze 29-31 marzo 2019: presentazione

Il metodo CPM
1. Vedere
sforzarsi di prendere coscienza e di capire le proprie situazioni e atteggiamenti di vita, la qualità della relazione di coppia, i comportamenti della comunità ecclesiale e sociale e le maggiori problematiche odierne.
2. Giudicare
approfondire, conoscere e lasciarsi interpellare dalla Parola di Dio, ricordando che la Parola è Persona e Gesù stesso è Parola incarnata; confrontarsi dunque con Gesù vero interlocutore per poter entrare in intimità e vero dialogo con il coniuge e con gli altri, oltre che per leggere la nostra vita e le varie problematiche in esame con una visione di fede.
3. Agire
cercare di tradurre, con l'aiuto dello Spirito Santo, nella propria vita le acquisizioni maturate, contando anche sulla solidarietà delle altre coppie e del Consigliere spirituale.

L'accoglienza come stile di vita.

I sette punti di PAUL DERKINDEREN. L'Autore, sacerdote, teologo, psicologo, ha rappresentato per molti anni il Belgio in seno al bureau della Federazione Internazionale dei CPM;ne è stato l'Assistente.

Un cammino insieme verso il matrimonio



Il Vangelo dell’amore tra coscienza e norma

simposio

Sabato 11 novembre si è tenuto il III Simposio Amoris Laetitia aperto dal saluto del Santo Padre; è intervenuto il Presidente della CEI S.Em Card Gualtiero Bassetti, il direttore dell'Ufficio don Paolo Gentili e sono seguite le relazioni del prof. Mons. Giuseppe Lorizio e prof. Mons. Manuel Jesus Arroba Conde.

Commenti al Vangelo della domenica di Paolo don Squizzato

CommentoalVangelo2

Padre Nostro

Credo di Don MIchele Do

Credo in un solo Dio che é Padre, fonte sorgiva di ogni vita, di ogni bellezza, di ogni bontà. Da lui vengono e a lui ascendono tutte le cose. Credo in Gesù Cristo, figlio di Dio e figlio dell'uomo. Immagine visibile e trasparente dell'invisibile volto di Dio; immagine alta e pura del volto dell'uomo, così come lo ha sognato il cuore di Dio. Credo nello Spirito santo che vive e opera nelle profondità del nostro cuore per trasformarci tutti a immagine di Cristo. Credo che da questa fede fluiscono le realtà più essenziali e irrinunciabili della nostra vita: la Comunione dei santi e delle cose sante, che é la vera Chiesa; la buona novella del perdono die peccati, la fede nella Resurrezione che ci dona la speranza che nulla va perduto della nostra vita, nessun frammento di bontà e di bellezza, nessun sacrificio per quanto nascosto e ignorato nessuna lacrima e nessuna amicizia. Amen.

Corso di Formazione Permanente in Pastorale Familiare per Sacerdoti (9 ottobre - 29 novembre 2018)

"Per quanto riguarda i corsi o gli itinerari di preparazione al matrimonio, essi rientrino nel progetto educativo di ogni Chiesa particolare ed assumano sempre più la caratteristica di itinerari educativi. A tale scopo ci si preoccupi perché possibilmente ogni comunità parrocchiale sia in grado di offrire questi itinerari di fede innanzi tutto ai propri fidanzati.


Fidanzamento: tempo di crescita, di responsabilità e di grazia

 

Il libro è un originale studio teologico che presenta, per la prima volta in modo organico, la visione cristiana della corporeità.

La Parola e uno stile di vita

La grande bellezza

Un breve sussidio, che tutti possono utilizzare (coppie di fidanzati, di sposi,famiglie), in cui ogni capitolo viene presentato secondo uno schema di 7 verbi: conoscere, gustare, fissare lo sguardo, riflettere, ammirare, approfondire (suggerimenti per la visione di un film, per l'ascolto di un brano musicale, per la lettura di un testo..) pregare.