cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Amoris Laetitia

Amoris Laetitia

Mappa

In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore”. Allora Maria disse:

“L’anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà della sua serva.

D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente

e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia

si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,

ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri,

ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre”.

Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

Che cosa dice il testo (LECTIO)

Maria è presentata da Luca quale modello del discepolo che accoglie nella fede il segno datogli dal Signore. Nel caso specifico è quello che appena prima l’angelo le ha indicato, e cioè la gravidanza dell’anziana Elisabetta. E’ questo il significato primo della visita di Maria alla parente, ancor più che la manifestazione della sua carità quale sollecitudine per i bisogni di Elisabetta. In tale ottica il recarsi di Maria alla casa di Zaccaria è figura della missione cristiana, che è quella di portare Cristo.

Elisabetta esprime il proprio stupore di fronte all’immeritata visita da parte della madre del Signore (v. 43), e soprattutto la propria ammirazione per Maria, da lei proclamata come “benedetta da Dio” e “la credente” (vv. 42.45).

Intanto alla figura delle due donne che si incontrano e si salutano, si intreccia anche quella dei due bimbi, da loro portati in grembo. Uno è confessato come “il Signore”, cioè la manifestazione piena del piano di Dio sulla storia dell’uomo, l’altro è rivestito di Spirito Santo (v. 41) e perciò riempito di gioia che lo fa balzare nel grembo della madre (v. 44). Nella figura di colui che sarà il Battista si intuisce così la forza di trasformazione della vita che ha ogni incontro autentico con il Cristo, e tale trasformazione non può non riempire di gioia.

Maria risponde spostando l’attenzione da sé, dalla propria persona, di cui dichiara l’insignificanza, al Dio che ha agito in lei, compiendo opere grandi e meravigliose (vv. 46-55). L’inno del “Magnificat”, intessuto di citazione dell’Antico Testamento, è impareggiabile lode per lo stile paradossale dell’agire divino. Maria esalta quel Dio che, nella sua immensa misericordia, sceglie come collaboratori persone umili, disprezzate e piccole. In questa misericordia si manifesta la santità del suo Nome, cioè la sua radicale diversità da noi. Il “Magnificat” approda così alla sua verità più profonda, che è la celebrazione della fedeltà divina. Nel figlio che Maria porta in grembo si renderà visibile come Dio si sia ricordato di Abramo perché, attraverso questo figlio, si compirà finalmente la promessa della benedizione per tutte le genti (cfr. Gn 12, 3).

Ringraziamo sul testo (MEDITATIO)

I primi movimenti del feto sono un’esperienza unica e indicibile: per la donna incinta sono l’assoluta certezza che dentro di lei c’è qualcuno che è vivo, qualcuno che lei sta ospitando, nutrendo, ma che ha già una sua individualità, un modo suo di porsi nel mondo. Lo sa la madre che ha il dono di più maternità: ogni feto ha un suo modo di muoversi, di balzare in lei, di rispondere agli avvenimenti esterni, di sentire come sta, come vive, perfino…come pensa. E’ oggi provato che i pensieri profondi della madre, le sue gioie, le sue paure, i suoi desideri passano al bambino che porta in seno. E la saggezza popolare l’ha sempre saputo quando insegna a “corteggiare” la madre, dandole perfino il privilegio che le sue “voglie” siano da esaudire.

Ma qui si innesta un’altra saggezza, quella dell’autore biblico che interpreta gli avvenimenti in nome delle trame di Dio, della sua provvidenza. Questa due madri, straordinarie e per nulla spaventate l’una per una gravidanza tardissima e l’altra per una gravidanza inaspettata, inimmaginabile, anzi gioiose e profetiche, capaci di leggere i segni, sanno interpretare i significati, la realtà, i movimenti, appunto, del bambino che portano in seno.

Fermiamoci anche solo al movimento fetale del futuro precursore di Gesù. L’autore annota un fatto: Elisabetta udì il saluto di Maria e il bambino le sussultò nel grembo. Potrebbe essere una banale coincidenza e l’autore non può andare più in là. Solo la madre ha diritto di parola su quello che le succede nell’utero, solo lei può interpretarlo, lasciandosi riempire dalla Vita. Il movimento fetale è un movimento di esultanza, è una danza di gioia: l’incontro tra le due donne è percepito come evento di salvezza. Le donne “sanno” con l’intuizione delle madri che è in atto una promessa e i loro piccoli lo percepiscono come fiume di ben-essere e di gioia: è una magnifica e prodigiosa trasmissione tra madri e figli affidati al loro seno.

Preghiamo (ORATIO)

Ti presentiamo, Signore, tutte le donne incinte: riempile di Spirito Santo perché possano trasmettere in senso pieno, fisiologico, emozionale e intelligente la ragione di vita che viene da te. Ti preghiamo perché esse possano essere nutrite di fede nella storia di salvezza che continua anche attraverso il loro bambino. Ti preghiamo infine, o Signore, perché la comunità cristiana e anche la comunità civile mostrino rispetto e cura per ogni gravidanza.

Che cosa ha detto la Parola (CONTEMPLATIO)

La mamma mia, a Te fedele, piangeva per me più di quanto sogliono le madri piangere la morte corporale dei loro figli. Ella vedeva la mia morte inj virtù della fede e dello Spirito che ella aeveva ricevuto da Te (Agostino d’Ippona, Confessioni).

Mettere in pratica la Parola (ACTIO)

Se oggi incontri una donna incinta, ringraziala nel tuo cuore e prega perché la trasmissione che sta avvenendo tra lei e il feto sia una trasmissione di fiducia e di fede.

PER LA LETTURA SPIRITUALE

Questa pagina di Vangelo è l’unica che ha per protagoniste due donne, entrambe incinte in modo impossibile, santuari dove la vita è in viaggio, dove il grembo è come una nave carica di cielo, in viaggio sui nostri mari. Di questa pagina vorrei sottolineare solo una parola, quella di Elisabetta, la quale dice a Maria: “Benedetta tu fra le donne”.

Benedetta. La benedizione di Elisabetta a Maria dilaga da lei verso tutte le donne. “Tu sei benedetta, fra tutte le donne benedette”. La benedizione a Maria riassume e fa fiorire quella di tutta l’umanità femminile. E’ come il Cantico dei Cantici, benedizione delle benedizioni, benedetta fra le benedette. Con parole bellissime lo diceva padre Giovanni Vannucci:

“ A tutti i frammenti, a tutti gli atomi di Maria

sparsi nel mondo che hanno nome donna,

rivolgiamo noi oggi la salutazione dell’angelo:

Ave, o donna, che tu sia piena di grazia,

che il Signore sia con te, luce del tuo volto,

fremito del tuo grembo, forza del tuo cuore nelle tue lotte.

A tutti i frammenti, a tutti gli atomi di Maria

sparsi nel mondo che hanno nome donna,

rivolgiamo oggi il saluto di Elisabetta:

Tu, donna, sei benedetta, e benedetto

e benefico agli umani è il frutto del tuo seno.

Che tu possa pacificare la terra, cancellare Caino,

far risorgere Abele, rivestire di luce il piccolo cuore

d’ombra di ciascuno, ricondurre tutta la terra al Padre”

(E. Ronchi, Ha fatto risplendere la vita, Gorle 2003).

I giovani, la fede e il discernimento vocazionale.

giovani francesco

Webinar AL per sacerdoti e seminaristi

25° Anniversario della morte di Don Tonino Bello

 

molfetta porto

 

.Buco nero: Attirerò tutti a Me.

Puoi IMPARARE solo se ASCOLTI

Festival dell’economia civile Firenze 29-31 marzo 2019: presentazione

Il metodo CPM
1. Vedere
sforzarsi di prendere coscienza e di capire le proprie situazioni e atteggiamenti di vita, la qualità della relazione di coppia, i comportamenti della comunità ecclesiale e sociale e le maggiori problematiche odierne.
2. Giudicare
approfondire, conoscere e lasciarsi interpellare dalla Parola di Dio, ricordando che la Parola è Persona e Gesù stesso è Parola incarnata; confrontarsi dunque con Gesù vero interlocutore per poter entrare in intimità e vero dialogo con il coniuge e con gli altri, oltre che per leggere la nostra vita e le varie problematiche in esame con una visione di fede.
3. Agire
cercare di tradurre, con l'aiuto dello Spirito Santo, nella propria vita le acquisizioni maturate, contando anche sulla solidarietà delle altre coppie e del Consigliere spirituale.

L'accoglienza come stile di vita.

I sette punti di PAUL DERKINDEREN. L'Autore, sacerdote, teologo, psicologo, ha rappresentato per molti anni il Belgio in seno al bureau della Federazione Internazionale dei CPM;ne è stato l'Assistente.

Un cammino insieme verso il matrimonio



Il Vangelo dell’amore tra coscienza e norma

simposio

Sabato 11 novembre si è tenuto il III Simposio Amoris Laetitia aperto dal saluto del Santo Padre; è intervenuto il Presidente della CEI S.Em Card Gualtiero Bassetti, il direttore dell'Ufficio don Paolo Gentili e sono seguite le relazioni del prof. Mons. Giuseppe Lorizio e prof. Mons. Manuel Jesus Arroba Conde.

Commenti al Vangelo della domenica di Paolo don Squizzato

CommentoalVangelo2

Padre Nostro

Credo di Don MIchele Do

Credo in un solo Dio che é Padre, fonte sorgiva di ogni vita, di ogni bellezza, di ogni bontà. Da lui vengono e a lui ascendono tutte le cose. Credo in Gesù Cristo, figlio di Dio e figlio dell'uomo. Immagine visibile e trasparente dell'invisibile volto di Dio; immagine alta e pura del volto dell'uomo, così come lo ha sognato il cuore di Dio. Credo nello Spirito santo che vive e opera nelle profondità del nostro cuore per trasformarci tutti a immagine di Cristo. Credo che da questa fede fluiscono le realtà più essenziali e irrinunciabili della nostra vita: la Comunione dei santi e delle cose sante, che é la vera Chiesa; la buona novella del perdono die peccati, la fede nella Resurrezione che ci dona la speranza che nulla va perduto della nostra vita, nessun frammento di bontà e di bellezza, nessun sacrificio per quanto nascosto e ignorato nessuna lacrima e nessuna amicizia. Amen.

Corso di Formazione Permanente in Pastorale Familiare per Sacerdoti (9 ottobre - 29 novembre 2018)

"Per quanto riguarda i corsi o gli itinerari di preparazione al matrimonio, essi rientrino nel progetto educativo di ogni Chiesa particolare ed assumano sempre più la caratteristica di itinerari educativi. A tale scopo ci si preoccupi perché possibilmente ogni comunità parrocchiale sia in grado di offrire questi itinerari di fede innanzi tutto ai propri fidanzati.


Fidanzamento: tempo di crescita, di responsabilità e di grazia

 

Il libro è un originale studio teologico che presenta, per la prima volta in modo organico, la visione cristiana della corporeità.

La Parola e uno stile di vita

La grande bellezza

Un breve sussidio, che tutti possono utilizzare (coppie di fidanzati, di sposi,famiglie), in cui ogni capitolo viene presentato secondo uno schema di 7 verbi: conoscere, gustare, fissare lo sguardo, riflettere, ammirare, approfondire (suggerimenti per la visione di un film, per l'ascolto di un brano musicale, per la lettura di un testo..) pregare.