cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Amoris Laetitia

Amoris Laetitia

Mappa

Regia: Joel Coen (Usa, 2003) - Interpreti: George Clooney, Catherine Zeta-Jones, Geoffrey Rush -Distribuzione: Uip - Durata : 100' - Supporto: 35 mm; Dvd; Vhs

Divorziata di professione lei (Catherine Zeta-Jones). Divorzista di professione lui (Gorge Clooney). Bravissimi tutti e due: lei con i propri alimenti, lui con quelli dei propri clienti. Ma quando si ritrovano in tribunale, su fronti opposti, lui - avvocato dell'ennesimo ex marito di lei - vince, e le fa perdere una fortuna. Lei giura di vendicarsi. Come? Sposandolo naturalmente.

Una commedia perfida ed irresistibile, con i registi 'antibuonisti' per eccellenza, ed un cast splendido, a cominciare dalla coppia Zeta Jones-Clooney, la più verosimile dell'universo. I fratelli Coen non deludono le attese. Che Intolerable Cruelty (orribilmente tradotto con Prima ti sposo, poi ti rovino) fosse uno di quei film che si ricordano e di cui si parlerà a lungo lo si è capito sin dai titoli di testa (buffi, colorati, divertenti) e da "Thè boxer" di Simon & Garfunkel che fa da commento alla prima scena nella quale si gusta un Geoffrey Rush a bordo di una Jaguar che tornato a casa trova la moglie con uomo che si spaccia di essere un rivenditore di articoli da piscina quando la piscina loro non ce l'hanno...
Che fosse un film che avrebbe fatto concorrenza, ad esempio, a Il grande Lebosky, lo si intuisce quando la prima cosa che si scorge di George Clooney non sono i begli occhi profondi o il sorriso accattivante ma la sua dentatura luminosa e bianchissima che il suo personaggio cura come fosse un collier di diamanti... Clooney è un avvocato divorzista, il migliore sulla piazza. "Il divorzio senza colpa? E' un ossimoro" è il suo motto. Ideatore del famoso "Accordo Massey". un patto che non consente ai coniugi che si separano di rivendicare alcunché del patrimonio della parte più ricca, commette il più grande errore che un avvocato come lui possa compiere: innamorarsi della moglie (Catherine Zeta-Jones) di un cliente del quale sta curando la causa di separazione. Questa è la premessa ad una storia nella quale si dipaneranno una serie di conseguenze che condurranno ad un finale molto concitato. Tutti eventi raccontati alla maniera dei fratelli Coen. capaci di inventare personaggi assurdi e strampalati, ai quali mettono in bocca battute solo all'apparenza stupide, dialoghi che ronzano attorno all'obiettivo per poi colpirlo al cuore.
Questa è la grandezza del cinema dei fratelli Coen. Mettere su una commedia sull'amore e sull'eterna battaglia tra i due sessi come se fossimo nella patinata Hollywood degli anni '50, con situazioni da "Oggi le comiche" che si tramutano in sequenze irresistibili. In esse vorticano personaggi, anche quelli marginali, dipinti con arguzia e tutti fortemente caratterizzati da un'ironia disarmante. Un'altra galleria di maschere con i loro tic, le loro debolezze, le loro idiosincrasie, le loro peculiarità, che tanto cari sono ai fratelli americani.
Il cast sembra adeguarsi ottimamente al copione sul quale lavorano. Sia Clooney che la Zeta-Jones (in forma smagliante) si calano con bravura nei loro personaggi. George si dimostra un attore versatile ed in sintonia con il cinema dei fratelli americani. Riesce a caratterizzare la sua prova con spigliatezza e molto divertimento. Anche la Zeta-Jones lima il suo personaggio rendendolo ora incantevole ora antipaticissimo. Da ricordare anche i due carnei di Geoffrey Rush e Billy Bob Thomton, irrefrenabili e pieni di energia nella loro recitazione. Un film che non fa solo ridere, ma, come costume dei fratelli Coen, è capace anche di offrire qualche spunto di riflessione. Uno dei film più belli - pochi in verità - visti alla 60" Mostra del Cinema di Venezia.

Daniele Sesti
Film UP

I giovani, la fede e il discernimento vocazionale.

giovani francesco

Webinar AL per sacerdoti e seminaristi

25° Anniversario della morte di Don Tonino Bello

 

molfetta porto

 

.Buco nero: Attirerò tutti a Me.

Puoi IMPARARE solo se ASCOLTI

Festival dell’economia civile Firenze 29-31 marzo 2019: presentazione

Il metodo CPM
1. Vedere
sforzarsi di prendere coscienza e di capire le proprie situazioni e atteggiamenti di vita, la qualità della relazione di coppia, i comportamenti della comunità ecclesiale e sociale e le maggiori problematiche odierne.
2. Giudicare
approfondire, conoscere e lasciarsi interpellare dalla Parola di Dio, ricordando che la Parola è Persona e Gesù stesso è Parola incarnata; confrontarsi dunque con Gesù vero interlocutore per poter entrare in intimità e vero dialogo con il coniuge e con gli altri, oltre che per leggere la nostra vita e le varie problematiche in esame con una visione di fede.
3. Agire
cercare di tradurre, con l'aiuto dello Spirito Santo, nella propria vita le acquisizioni maturate, contando anche sulla solidarietà delle altre coppie e del Consigliere spirituale.

L'accoglienza come stile di vita.

I sette punti di PAUL DERKINDEREN. L'Autore, sacerdote, teologo, psicologo, ha rappresentato per molti anni il Belgio in seno al bureau della Federazione Internazionale dei CPM;ne è stato l'Assistente.

Un cammino insieme verso il matrimonio



Il Vangelo dell’amore tra coscienza e norma

simposio

Sabato 11 novembre si è tenuto il III Simposio Amoris Laetitia aperto dal saluto del Santo Padre; è intervenuto il Presidente della CEI S.Em Card Gualtiero Bassetti, il direttore dell'Ufficio don Paolo Gentili e sono seguite le relazioni del prof. Mons. Giuseppe Lorizio e prof. Mons. Manuel Jesus Arroba Conde.

Commenti al Vangelo della domenica di Paolo don Squizzato

CommentoalVangelo2

Padre Nostro

Credo di Don MIchele Do

Credo in un solo Dio che é Padre, fonte sorgiva di ogni vita, di ogni bellezza, di ogni bontà. Da lui vengono e a lui ascendono tutte le cose. Credo in Gesù Cristo, figlio di Dio e figlio dell'uomo. Immagine visibile e trasparente dell'invisibile volto di Dio; immagine alta e pura del volto dell'uomo, così come lo ha sognato il cuore di Dio. Credo nello Spirito santo che vive e opera nelle profondità del nostro cuore per trasformarci tutti a immagine di Cristo. Credo che da questa fede fluiscono le realtà più essenziali e irrinunciabili della nostra vita: la Comunione dei santi e delle cose sante, che é la vera Chiesa; la buona novella del perdono die peccati, la fede nella Resurrezione che ci dona la speranza che nulla va perduto della nostra vita, nessun frammento di bontà e di bellezza, nessun sacrificio per quanto nascosto e ignorato nessuna lacrima e nessuna amicizia. Amen.

Corso di Formazione Permanente in Pastorale Familiare per Sacerdoti (9 ottobre - 29 novembre 2018)

"Per quanto riguarda i corsi o gli itinerari di preparazione al matrimonio, essi rientrino nel progetto educativo di ogni Chiesa particolare ed assumano sempre più la caratteristica di itinerari educativi. A tale scopo ci si preoccupi perché possibilmente ogni comunità parrocchiale sia in grado di offrire questi itinerari di fede innanzi tutto ai propri fidanzati.


Fidanzamento: tempo di crescita, di responsabilità e di grazia

 

Il libro è un originale studio teologico che presenta, per la prima volta in modo organico, la visione cristiana della corporeità.

La Parola e uno stile di vita

La grande bellezza

Un breve sussidio, che tutti possono utilizzare (coppie di fidanzati, di sposi,famiglie), in cui ogni capitolo viene presentato secondo uno schema di 7 verbi: conoscere, gustare, fissare lo sguardo, riflettere, ammirare, approfondire (suggerimenti per la visione di un film, per l'ascolto di un brano musicale, per la lettura di un testo..) pregare.