cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

l canto non è accessorio – se c’è bene se non c’è pazienza. Il canto “è parte necessaria ed integrante della liturgia solenne.” (Sacrosantum Concilium 112)
Nel matrimonio il canto è fondamentale. Scandisce il momento di festa e quello di raccoglimento. Aiuta la partecipazione e la preghiera. È importante che il canto sia curato ed affidato a un coro.

Se nella parrocchia dove vi sposate c’è il coro della chiesa ed ha la possibilità di farvi questo grande servizio, benissimo. Siete proprio fortunati!
Se nella parrocchia dove vi sposate – ahimè – non c’è un coro oppure non è disponibile, vedete, in accordo con il parroco,di trovare persone esperte, abituate a cantare in chiesa, persone che conoscano bene la liturgia.

Musiche e canzoni adatte alla chiesa.

Non c'è niente di meglio della musica per suscitare emozioni e creare atmosfera in un momento come il matrimonio, già di per sé ricchissimo di sentimento. Spessissimo le chiese sono dotate di un organo, e non sarà difficile, magari chiedendo suggerimento al Parroco, procurarsi chi lo suona.


Una scelta diversa può essere quella di sostituire il classico suono dell'organo con la melodia dell'arpa, a cui si potrebbero alternare o accompagnare le note di violino. Non è poi difficile organizzare un trio o un quartetto d'archi, o affiancare un flauto dolce, il clavicembalo, un gruppo di chitarre.
La voce femminile è sempre un complemento dolcissimo; oppure si possono invitare due voci liriche o un coro. Se frequentate abitualmente una parrocchia, una scelta sicuramente sentita e vera potrebbe essere quella di far cantare il coro della parrocchia stesso, sicuramente non composto da professionisti ma certamente più partecipi.


Qualunque sia la vostra scelta, la musica dovrebbe scandire e sottolineare i momenti più significativi della cerimonia in Chiesa, in particolare:

· l'arrivo e l'ingresso della sposa;

· lo scambio degli anelli;

· l'offertorio;

· la comunione;

· le firme e l'uscita degli sposi.

La scelta dei brani musicali da eseguire durante il rito religioso dovrà comunque adeguarsi all'impronta che avrete scelto per la vostra cerimonia.


Per delle nozze in stile classico, ecco alcuni suggerimenti.

Entrata in chiesa della sposa: una musica solenne, allegra, che esprima l'emozione di questo momento.


Wagner, Marcia nuziale del Lohengrin;

Mendelssohn, Marcia nuziale;
Mozart, Marcia nuziale da Le nozze di figaro;
Handel, Minuetto n.2 da watermusic;
Charpentier, Preludio al te Deum;
Bach, Corale della cantata 147 per coro e organo;
Palestrina, brani del Magnificat.

Comunione: una musica dolce, melodiosa, che segni il momento di raccoglimento. Il movimento musicale più adatto è l'adagio.
Albinoni, Adagio in Sol Minore (anche se in realtà in origine era stato composto come marcia funebre);
Bach, Ave maria;
Bach, Adagio da Toccata e Fuga in re minore;
Gounod, Ave maria;
Schubert, Ave Maria;
Mozart, Romanza de Eine kleine Nachtmusik;
Mozart, Ave verum corpus;
Schumann, Sogno d'amore;
Handel, Largo dal Serse.

Uscita dalla chiesa: una musica vivace, allegra e gioiosa.
Mendelssohn, Marcia nuziale;
Mozart, Jubilate, Exultate, dalla messa K437;
Vivaldi, Sonata n.6 da Il Pastor Fido;
Brahms, Corale dal S. Antonio;
Beethoven, Corale da Il Monte degli Ulivi;
Handel, Aleluia.