cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

Documenti civili Certificato di residenza, cittadinanza, stato libero

- da richiedere all'Anagrafe del Comune di residenza

Documenti religiosi Atto di Battesimo per uso matrimonio - da richiedere alla Parrocchia di domicilio al momento del Battesimo

Certificato di Cresima - da richiedere alla Parrocchia dove si è ricevuta la Cresima (se non è annotato sull'atto di battesimo)

Certificato di stato libero ecclesiastico, qualora l'interessato provenga da fuori Diocesi di residenza o vi sia da poco tempo residente. (Presentarsi al proprio parroco con due testimoni di lunga conoscenza, anche parenti stretti).

Durata della validità dei documenti: 6 mesi

ITER BUROCRATRICO PER LE PUBBLICAZIONI

LUI e LEI si presentano, su prenotazione, al parroco:

della parrocchia nella quale sarà celebrato il matrimonio se è quella di uno degli sposi,

della sposa o dello sposo, a scelta, se il matrimonio sarà celebrato nella parrocchia di futura abitazione,

con tutti i documenti civili e religiosi.

Il Parroco rilascia le richieste di pubblicazione per il Comune e per le Parrocchie.

Presentare, di persona o tramite un incaricato, al Comune la richiesta di pubblicazione del Parroco unitamente a tutti i documenti civili per concordare il giorno e l'ora delle pubblicazioni. Per Torino: via della Consolata 23 dalle 8:15 alle 13:00 tutti i giorni feriali escluso il sabato.

Il giorno e l'ora concordata i futuri sposi vanno in Comune per la formalizzazione delle pubblicazioni civili.

ATTENZIONE: questo non è "il matrimonio civile"!

Le pubblicazioni, con i nomi dei futuri sposi, rimarranno esposte sia in Comune che nelle Parrocchie per due domeniche consecutive. Se non vengono presentate proteste, esse saranno restituite e dovranno essere riportate al Parroco che ha dato inizio alle pratiche, che potrà preparare gli atti di matrimonio che saranno firmati durante la cerimonia.

A pubblicazioni eseguite il matrimonio dovrà celebrarsi entro i 6 mesi successivi.

NOTA:

Nella Diocesi di Torino si richiede agli sposi di celebrare il rito del matrimonio:

nella chiesa della sposa, oppure

nella chiesa dello sposo, oppure

 

nella chiesa ove è situata la nuova residenza

DOCUMENTI CHE E' UTILE LEGGERE

Documento del Pontificio Consiglio per La Famiglia

Norme per la celebrazione del matrimonio