cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

La coppia

GIUSEPPE TOLLER

II linguaggio del corpo rappresenta uno degli argomenti più dibattuti della cultura contemporanea, in particolare della psicologia e della sessuologia, che vi hanno riconosciuto il ritorno di un valore a lungo ignorato o dimenticato, e il recupero di una dimensione primaria aperta ad esperienze tra le più intense e gratificanti.

Sergio Riccardi

Il discernimento spirituale è possibile.Esercizio di ascolto dello Spirito.Una definizione.Culto spirituale del Nuovo Testamento.Condizioni per un buon discernimento.Come attuare il discernimento.Criteri di giudizio.

Don Gianfranco Fregni

Cristiano con voi. Presbitero per voi e fra di voi. Insieme per tutti.

Elena e Uberto Bianciardi
L'Amore del Padre. L'Amore fra Cristo e la Chiesa. Donare la propria vita. Accettare il dono dell'altro.

Gian Antonio Dei Tos

Lo scopo di questa riflessione è quello di tentare di raggiungere l'intenzione di Gesù mentre istituiva il Sacramento del matrimonio.

p.Benigno Scarpazza
Il ruolo o la missione della coppia cristiana nella Chiesa e nel mondo sia un vero e proprio ministero ecclesiale, non è più soltanto un'opinione di teologi. E' ormai pensiero del magistero ecclesiastico, espresso chiaramente in documenti ufficiali.

La libertà, come è scritto in questo articolo, è oggi nella nostra cultura un bene importantissimo, nel nome del quale si combatte.

Famiglia Domani n. 2 anno 2000 La libertà, come è scritto in questo articolo, è oggi nella nostra cultura un bene importantissimo, nel nome del quale si combatte. Tutti noi siamo pronti a prendere posizione contro le situazioni in cui la libertà viene calpestata e limitata.

PAUL DERKINDEREN
L'articolo che segue rappresenta un estratto di un documento più ampio pubblicato per la prima volta a Bruxelles nel 1975 e ristampato recentemente a cura della Federazione Internazionale dei CPM col titolo "I sette punti di Paul". L'Autore, sacerdote, teologo, psicologo, ha rappresentato per molti anni il Belgio in seno al bureau della Federazione Internazionale dei CPM;ne è stato l'Assistente.

Gian Antonio e Daniela Dei Tos
Cogliere le connessioni fra esperienza di famiglia e ricerca della pace rappresenta probabilmente, oggi, un lavoro di non immediata comprensione e di non facile elaborazione.

Franco e Annamaria Quarta La fiducia è la condizione indispensabile per ogni incontro pienamente umano tra due persone.Non riguarda solo il momento dell'incontro e del dialogo ma implica una proiezione sul futuro, la certezza di non essere traditi.Nell'atto del fidarsi c'è qualcosa di religioso: credere è fidarsi, contare su qualcuno perché si crede in lui. Ed è uno dei doni più preziosi che possiamo fare ad una persona.

Arturo Paoli

Come può la coppia, oggi, applicare concretamente nella sua esperienza di vita quotidiana, questo rimprovero del "re"? In quali ambiti della sua esistenza? Per farei uditori nel profondo della Parola e rivedere la nostra vita con questa pagina di Matteo 22,1-14.

Xavier Lacroix

Qual è la verità dell'amore? Amare significa mettersi in gioco in modo pieno e totale,disponendosi a donare ricevendo e a ricevere donando. Si tratta di un'avventura,tuttavia,in cui i due coniugi non sono soli,ma sono accompagnati da quel Terzo che fonda la loro relazione: un terzo non solo simbolico,ma reale.

Annamaria e Franco Quarta

C' un verbo che indica superbamente lo stato d'animo di due sposi quando si scambiano il loro consenso nuziale: consegnarsi. La consegna reciproca è la condizione di ogni vero matrimoni ed é anche il segno del rapporto d'amore che caratterizza il nostro incontro con Dio. Un incontro spesso fragile, come quello di coppia,simboleggiato dall'elevarsi delle nostre mani vuote.

Don Giacomino Piana

L'esegesi del brano di Matteo 22,1-14 si sofferma sul significato della "veste nuziale" che il Re pretende da parte di tutti gli invitati,ancorché poveri,storpi e ciechi,per accedere alla mensa.Per entrare alle nozze,infatti,occorre "spogliarsi" dell'uomo vecchio e rinnovarsi, pensare in modo nuovo,rivestendoci di sentimenti di misericordia, di mansuetudine, di pazienza.

Uberto Bianciardi
Nell'esistenza delle coppie è possibile rintracciare una serie di segni che caratterizzano il loro cammino ne progredire dei tempi della vita. Si tratta talvolta di segni importanti, di " grandi segni";altre volte si tratta di segni più modesti,quotidiani e feriali. Sono segni destinati a interpellare la coppia,alla ricerca di un senso all'esistere.

Liberare l'amore significa valorizzare in modo adulto la capacità di amare che ognuno di noi conserva dentro di sé,spesso inconsapevolmente. L'editoriale intende fornire alcune tracce per scoprire questa enorme potenzilaità.

Se la storia è il luogo teologico in cui Dio ci offre la salvezza,la famiglia è il luogo antropologico in cui questa salvezza- liberazione si realizza concretamente nel giorno dopo giorno. I criteri per leggere i segni dei tempi in famiglia sono proprio quelli della liberazione,insieme con quelli della comunione e dell’attenzione agli ultimi. Senza dimenticare il segno forte della festa.

Dal brano di Vangelo della prima Domenica di Quaresima,l’occasione per riflettere sulle tentazioni che investono oggi la famiglia. Tentazioni che si trasformano in sfide,da raccogliere con coraggio.

"Voi siete il sale della terra" (Mt 5, 13).

Seguendo un metodo che ho imparato all'università e che mi ha dato buoni risultati, parto dalla negazione. Noi non siamo il sale della terra. Basta posare uno sguardo sulla nostra città, alzarlo sull'Italia, estenderlo sull'Occidente cristiano. t sufficiente perché la nostra responsabilità è limitata alla terra cristiana. Abbondano analisi per provare che l'Occidente cristiano non mostra segni di essere stato fecondato dal Vangelo,

Se la famiglia è luogo privilegiato di mediazione e scuola di educazione, essa è dunque anche il contesto più adeguato per “prepararsi” all’azione politica, in un’ottica di servizio agli altri e in un orizzonte di pace.