cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Frammenti

Domanda inquietante     Mt 16, 13-20

Gesù pone ai suoi discepoli la domanda fondamentale, la sola che conta: “Voi chi dite che io sia?”. Gesù vuole andare in fondo. E pone la domanda due volte e in due modi diversi.

Forzare le porte di Dio     Mt 15, 21-28

Una straniera, una donna estranea al popolo eletto, ha trovato, istintivamente, le parole per la sua preghiera. “Pietà di me, Signore, figlio di Davide!”. Poi continua, forse abbassando il capo, “Mia figlia è molto tormentata da un demonio”. 

Assunta e per vestito il sole

Maria per prima, aveva detto sì al Signore e per prima ha il privilegio, unico e straordinario, di conservare il suo corpo e diventare, insieme a suo Figlio, regina dei cieli.

Signore, salvami     Mt 14, 22-33

Pietro aveva avuto una grande paura già sul finire della notte. Gesù cammina sulle acque in mezzo alla tempesta. Lo credevano ancora immerso nella preghiera, in disparte e solo, sulla montagna e, invece, eccolo qui in mezzo all’infuriare dei venti, in precario equilibrio sulle onde agitate da mettere paura. Loro, uomini, pescatori, esperti, conoscitori come nessun altro di quel lago, oggi così ostile.

Respirare Dio       Mt 17, 1-9

L’avvenimento fu una grande sorpresa. Il volto di Gesù come il sole, le sue vesti piene di luce. E due apparizioni, alcuni frammenti di conversazioni e una voce che proviene dal cielo. A questa visione gli apostoli si impauriscono e cadono con la faccia a terra.

Grano e zizzania, convivenza difficile     Mt 13, 24-43

La zizzania che noi chiamiamo gramigna è un’erba infestante, ingombrante, soffocante, dannosa. Nella lingua di Gesù ha la stessa radice della parola ‘satana’ e richiama l’idea del dividere. La zizzania si mimetizza e si radica così bene nel terreno che lo occupa e lo invade fino a impadronirsene.

Un seme di speranza e la terra ospitale       Mt 13,1-23

Gesù parla in parabole per essere compreso e per coinvolgerci di più e introdurci totalmente nel cuore del mistero. La parabola è una specie di contenitore del dono e ci è chiesto di avvicinarci quasi in punta di piedi e liberare il regalo dalla carta luccicante e dai nastrini che lo avvolgono, per gustare in pienezza il tesoro che esso racchiude.

La nuova via     Mt 11, 25-30

Gesù è come incantato, estasiato davanti ai piccoli che lo seguono e lo ascoltano: Ti rendo lode, Padre, perché queste cose le hai ri­velate ai piccoli. I piccoli di cui è pieno il vangelo, gli ultimi della fila che sono i pre­feriti di Dio.

Senza se e senza ma   Mt 10,37-42

Vangelo oggi di parole dure e impegnative. Parole che sono un invito a donarsi, a camminare sulla via della croce, a spendersi sino alla fine. Nel nostro tempo siamo portati a cercare la nostra realizzazione nell’autoaffermazione piuttosto che nel dono, nel successo ad ogni costo piuttosto che nello spendersi per gli altri, nel ricevere e ottenere piuttosto che nel dare e nell’accogliere.

La paura non abita qui     Mt 10,26-33

La sofferenza attraversa la nostra vita e il dolore è l’altra faccia del giorno, come la notte è lo spazio tra il tramonto e l’alba. Al calice del dolore beviamo tutti, buoni e cattivi.

Ti amo da morire     Gv 6, 51-59

Cosa sarebbe la nostra vita di fede senza l’Eucarestia? Cosa sarebbe la nostra conoscenza di Dio senza l’Eucarestia? L’Eucarestia è la presenza sulla terra della vita del cielo, della vita di Dio.

La Trinità è un abbraccio senza fine   Gv 3, 16-18

Capire o carpire la conoscenza di Dio? Questo è il problema. Se leggiamo il vangelo comprendiamo che Dio non ama essere sottoposto a un’analisi di laboratorio o ad una conoscenza prevalentemente intellettuale. Il Dio di Gesù predilige piuttosto l’incontro, la comunione, come tra noi persone.

Ardente attesa    Gv 20, 19-23

“Se dipendesse da te, il mondo non avrebbe mai un domani, perché tu rifiuti sempre l’oggi”. Questa è proprio la fine. È la tentazione della stanchezza e della paura. Ma oggi ci è insegnato come vincerla: aspettare a Gerusalemme, nel cenacolo, riuniti in preghiera con Maria, la madre di Gesù.

Una nuova storia   Mt 28, 16-20

Gesù desiderava che tutti fossero presenti per l’ultimo saluto. E il monte diventava una specie di pista di decollo, di lancio per Gesù e anche per i discepoli. Gesù ritorna al Padre pur assicurando la sua vicinanza a tutti e per sempre. C’è una buona notizia, il vangelo, da diffondere, c’è una comunione da costruire. Finisce il tempo dell’apprendistato. Ora tutti devono rimboccarsi le maniche.

Il mio cuore è uno specchio   Gv 14, 15-21

Gesù lo chiama Paraclito, cioè colui che viene dall’alto, che è lo stesso Spirito di Dio che aleggiava sulle acque nei giorni della creazione, che alimentò la fede di Abramo e protesse Mosè dal Faraone, che aiutò Israele ad attraversare il Maro Rosso ed entrare nella terra promessa. Che scelse re e profeti per il suo popolo.

Mostraci il Padre      Gv 14, 1-12


Un bambino chiede a suo padre: “Papà, mi fai un regalo?”. Il padre lo guarda pensieroso, si aspetta di tutto. Ma il bambino lo sorprende: “Mi porti sulla luna? Poi non ti chiedo più nulla. Te lo prometto!”. Il bambino pensava di chiedere una cosa piccola, insignificante, semplice. Ma chiese l’impossibile. Bene! Filippo, oggi, chiede la stessa cosa. Guarda Gesù e gli dice: “Signore, mostraci il Padre e questo ci basta”.

Il “bel pastore” ci guida     Gv 10, 1-19

Il vangelo di questa domenica racconta il feeling impercettibile ma reale e intenso che nasce tra il gregge e il pastore. È fatto di silenzi, di monosillabi, di segni convenzionali ma eloquenti, occhiate d’intesa, di lento incedere e accelerazioni improvvise, di spostamenti imprevisti o di pause defaticanti…

Emmaus, andata e ritorno   Lc 24, 13-35

Pare immenso il popolo dei delusi. La maggior parte dei discepoli di Gesù si era rintanata in uno scantinato di Gerusalemme bloccati dalla paura. Pensavano al fallimento dell’avventura di Gesù e alla viltà con la quale gli si erano negati per sottrarsi alla cattura. Due, poi, stavano per chiudere per sempre con quel recente passato. Ma, a pochi passi da casa, entra in scena Gesù deciso a riportarli e rilanciarli sulle strade del vangelo.

Piaghe trasfigurate   Gv 20, 19-31

Tommaso fratello mio, ti stai tormentando per come, tu e gli altri, vi siete comportati nell’ora più impegnativa di Gesù. Ti vergogni, Tommaso, e senti che questa ferita sanguina ancora e te ne vai lontano da tutti a cercare ragioni e un balsamo per il tuo cuore. Non sopporti la tua fragilità.

Una luce sfolgorante      Gv 20, 1-9

Nel giorno dopo il sabato, all’alba, una notizia sconvolgente stoppa gli orologi della storia. Gesù di Nazareth, crocifisso e morto, esce vivo dal sepolcro. Era già successo che alcuni morti facessero ritorno alla vita terrena precedente, ma non era mai accaduto che uno di loro rientrasse tra i viventi avvolto di immortalità.

I giorni della prova     Mt 26, 14-27, 66

Si apre una settimana di emozioni forti e incalzanti. Tutti attorno alla croce. C’è chi fugge la croce, chi la subisce, chi l’abbraccia. Gesù passa dagli osanna al “sia crocifisso”, urlati dalla stessa gente di Gerusalemme in festa o sobillata dai soliti vecchi burattinai.

Pietre e sepolcri     Gv 11, 1-45

Betania è un villaggio di poche case, appena fuori Gerusalemme, sul versante orientale del Monte degli Ulivi. Si passa di lì per andare e tornare da Gerico. Qui vive Lazzaro e a casa sua Gesù si è rifugiato nelle ultime settimane quando ha sentite fischiare la violenza verbale dei farisei. “Gesù voleva molto bene a Marta, a sua sorella Maria e a Lazzaro”, perché a casa loro respirava il profumo dell’amicizia e dell’ospitalità. Betania è un altro cenacolo della confidenza e dell’affetto.

Guarire lo sguardo     Gv 9, 1-41

Cieco dalla nascita. Sembra un annuncio funebre. Un triste biglietto da visita che gli consegna la condanna a un futuro da accattone. Infatti viveva da mendicante nutrendosi di bocconi amari e lacrime.

Appuntamento al pozzo       Gv 4, 5-42

Era verso mezzogiorno. Certe ore si somigliano tutte. La luce, complice quanto il buio, garantisce un alone di invisibilità. La volpe e l’aquila escono dai loro nascondigli l’una di notte e l’altra in pieno giorno. La samaritana è una fuori orario. Non gode di buona reputazione. Raggiunge il pozzo a mezzogiorno per non incontrare ombre umane che l’avrebbero scoperta e, come al solito, giudicata.

E'bello stare qui       Mt 17,1-9

Abbiamo appena cominciato la quaresima, abbiamo appena iniziato a seguire Gesù per un tratto di strada nel deserto ed ecco che Gesù ci invita a salire con lui sul monte Tabor. Andiamo allora, anche noi, con Pietro, Giacomo e Giovanni. E appena abbiamo cominciato a seguire Gesù già tutto è cambiato, tutto è trasfigurato.

Nostalgia del giardino       Mt 4, 1-11

Oggi ci è ricordato quale è il paese dal quale siamo usciti e al quale dobbiamo tornare. Ci viene promesso che saremo ricondotti a casa dove ci riposeremo. Qui ci aspetta Dio nostro Padre.

Dov’è il tuo tesoro         Mt 5, 38-48

Gesù chiama il denaro “padrone”. Chiamarlo così è rendergli un grande onore. Troppo onore, ma è la verità. Il denaro su questa terra regna sovrano. Ha servitori e schiavi. Calcoliamo il valore delle cose da quanto costano. Misuriamo gli uomini per quello che rendono. Con il denaro si compra tutto, anche il corpo. Purtroppo anche l’anima e, talvolta, persino Dio. È inutile nasconderselo: il denaro è il vero re di questo mondo.

Figli         Mt 5, 38-48

Il male c’è. C’è sempre stato. Ci sarà ancora. Come arginarlo? Come contenerlo perché non cresca e si diffonda, perché non si radichi, perché non trovi libera cittadinanza? La prima cosa che ci viene in mente è “punire”. Chi ha sbagliato paghi. Così impara e così imparano anche gli altri.

Cuore o pietra     Mt 5, 17-37

La legge scritta sulle tavole di pietra da Mosè era solo un inizio. Ha aperto la strada, ha indicato la direzione ma non ha coinvolto il cuore. La legge pretendeva una osservanza rigorosa, moltiplicava ordini e divieti fino a diventare disumana e perciò anche poco divina. Gesù si imbatte, suo malgrado, in infinite questioni impossibili finché, un giorno, mette tutti con le spalle al muro. Questa legge è senza cuore, dice, questa legge rischia di essere anche senza Dio.

Sapore e splendore di Dio     Mt 5, 13-16

Gesù spiega ai suoi discepoli ciò che sono nel mondo. Per aiutarli a capire si serve di due immagini, di due esempi quasi elementari ma suggestivi. Sale e luce. I discepoli sono sale e luce, il sale della terra e la luce del mondo.

La montagna delle beatitudini Mt 5, 1-12 Sono contento che oggi, festa di San Giovanni Bosco, mi sia data la possibilità di rileggere con voi una delle pagine più controcorrente ed esaltanti del Vangelo, le Beatitudini. È la fotografia del volto e del cuore di Gesù. È il suo programma di vita e lo consegna subito ai primi apostoli chiamati e inviati ad annunciare il Regno di Dio. Oggi è per noi.

La strada       Gv 1, 29-34

Giovanni Battista ha delle antenne speciali e riconosce Gesù appena lo incontra per strada. “Ecco l’Agnello di Dio” grida. Eppure in quel tempo di falsi profeti e di falsi messia ne giravano tanti a piede libero per la Palestina.

Io sono la terra di Dio     Mt 4, 12-23

Il vangelo registra con precisione i luoghi dove Gesù è vissuto. Nasce a Betlemme, fugge in Egitto, torna a Nazareth. Nel racconto di oggi si dice che Gesù lascia Nazareth e va a stabilirsi a Cafarnao sulle rive del lago di Galilea. Qui inizia la vita pubblica e lancia la sua sfida.