cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Nel cuore della Legge         Mt 5, 17-37

“Ma io vi dico”. Gesù non vuole rifare la legge ma il cuore della legge e contesta l’interpretazione che tradisce la legge stessa. Gesù va diritto al cuore che è il laboratorio dove si assemblano i gesti dell’uomo.

 C’è una giustizia umana a volte troppo poco umana. Il disamore è il nostro lento morire. Ma c’è un “di più” che siamo chiamati a imparare e che ci consente di entrare nel regno dei cieli, non solo dopo la morte, ma di vivere la dimensione del regno dei cieli già qui in terra. E’ il mondo nuovo che i cristiani devono testimoniare.

Un di più che fa vivere e, prima di cambiare la realtà, cambia il nostro modo di vederla. Per farci comprendere meglio ciò che sta dicendo, Gesù ci prende per mano e ci fa esempi concreti. Ci mostra come leggere la vita partendo dal cuore profondo della legge.

“Ma io vi dico”: chiunque si adira con il fratello o lo insulta è sulla linea di Caino. Gesù mostra i primi passi verso la morte. L'ira, l'insulto e il disprezzo sono tre forme di omicidio. L'uccisione esteriore avviene dopo la eliminazione interiore dell'altro.

Per Gesù non esiste “l’altro”, esiste il “fratello” e possiamo uccidere un fratello, anche solo, con il disprezzo, anche solo, con l’insulto perché offendendolo lo pongo fuori dalle mie relazioni, fuori dal mio orizzonte. Questo significa uccidere. Omicidio non è solo l’esecuzione fatta con le nostre mani, ma anche quella che facciamo nel cuore o che facciamo con lo sguardo o con una parola.

Non commettere adulterio. “Ma io vi dico: se guardi”. Gesù non dice se tu desideri una donna o un uomo, ma se guardi per desiderare, con atteggiamento e volontà predatoria, per conquistare e violare, per sedurre e possedere, se riduci un uomo o una donna a oggetto da prendere o collezionare. Tu commetti un peccato contro la grandezza della persona.

Lo sguardo malizioso è capace di adulterare, alterare, cambiare, falsificare, svilire, manipolare. Uno sguardo velenoso ruba il sogno di Dio. L’adulterio non è tanto un reato contro la morale, ma un reato contro la persona. Si deturpa il volto alto e puro della creatura. Il suo e il tuo.

Uccidere la relazione con il fratello significa anche uccidere la relazione con Dio perché Dio è padre. Ecco perché non puoi fare l’offerta a Dio se non restauri l’unità. Gesù, qui, è tremendo perché dice: “se ti ricordi di avere qualche cosa contro tuo fratello”, non “se ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te”.

Gesù, con un linguaggio molto forte, ci dice che il rapporto con lui è un rapporto totalizzante: non esiste Dio e, poi, a parte, i fratelli, ma che tutti i comandamenti hanno come unico scopo la comunione.

A Dio non interessano uomini perfetti esteriormente, ma uomini liberi interiormente, capaci di amore e libertà nel profondo e non solo nei gesti. Il vangelo non è un nuovo codice ma uno sguardo trasfigurato dietro al quale c’è un modo altro di pensare e sognare la vita: “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. E il prossimo tuo come te stesso”.

“Non giurate affatto; il vostro dire sia sì, sì; no, no”. Dire sempre la verità e non servirà giurare. Non abbiamo bisogno di mostraci diversi da come siamo. Curiamo il nostro cuore e saremo capaci di prenderci cura della vita attorno a noi. Saremo beati.

Don Paolo Zamengo, prete salesiano