cookiesE' entrata in vigore (dal 2 giugno 2015) la legge italiana sui cookie che recepisce la direttiva del Parlamento europeo, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.
Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

LogoBlu

Traducteur-Translator

Ez 33, 1.7-9

Rm 13, 8-10

Mt 18, 15-20

appello«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va' e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; 16se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. 17Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano. 18In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo. In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d'accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà20Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro.».

 

L’Antico Testamento (Dt 19, 15) invitava, in caso di una mancanza da parte di qualcuno, di ammonirlo pubblicamente. Gesù al v. 15 invita invece a farlo «fra te e lui solo». Dinanzi alla fragilità dell’altro ci vuole molta delicatezza, perché chi ha sbagliato, chi è caduto, possa essere recuperato nella sua piena dignità, impedendo che si trasformi in cibo dato in pasto alla critica e alla curiosità morbosa della comunità. In questo modo chi ha sbagliato potrà essere sciolto attraverso l’amore che gli è stato mostrato. La rabbia, la durezza del giudizio, l’intransigenza non provocherà altro che la chiusura di quell’uomo, condannandolo ulteriormente dentro il guscio della propria colpa. Gesù dinanzi all’uomo segnato dal male e dalla colpa commessa è sempre stato intransigente nei confronti del male, condannandolo, ma perdonando, recuperando e amando chi l’ha commesso.

Interessante l’annotazione al v. 15, Gesù dice che quando l’altro commetterà una colpa contro di te, devi essere tu ad andare verso lui. Fai tu il primo passo, come Dio l’ha fatto – e continua a farlo ogni istante – nei tuoi confronti, venendoti a cercare quando ti trovi smarrito. Questo movimento dell’amore Gesù lo ha già ricordato in un altro grande discorso, il primo, detto della montagna: «Se dunque tu presenti la tua offerta all'altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all'altare, va' prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono» (Mt 5, 23s.): se l’altro ti ferisce, non accostarti all’altare pensando di trovarvi Dio, ma va’ a cercare quel tuo fratello che ti ha fatto del male, ristabilisci con lui la fraternità infranta e in quel momento incontrerai anche il tuo Dio. Se non si vive la comunione col fratello, non ci s’illuda di viverla in una chiesa.  

Dinanzi alla caduta, al limite, all’offesa dell’altro, Gesù invita a tentarle tutte per ristabilire un rapporto vitale. Ora, se l’altro s’ostina a non riconoscere e recuperare il male commesso, Gesù dice: «sia per te come il pagano e il pubblicano» (v. 17). Cose vuol dire Gesù? I pagani e i pubblicani nel Vangelo son coloro per i quali Gesù ha dato la vita. Son coloro che non sanno di essere amati, per cui il mio atteggiamento dovrebbe essere mostrar loro il mio amore che va fino alla fine. Per cui, gli elementi più difficili, i casi che paiono non recuperabili, i recidivi in una comunità (civile o religiosa che sia, ricordiamolo), non vanno mai abbandonati, trascurati o condannati. Son proprio quelli da amare più degli altri!

Gesù ricorda a questo punto, a ciascuno di noi, che tutta la comunità, ogni suo membro ha il medesimo potere di Pietro e quindi di Gesù che glielo ha conferito, ovvero il potere di sciogliere, o se vogliamo, di perdonare. Sì, perché l’unico potere che Dio possiede non è quello di legare, ma di sciogliere. Rompere le catene inique che tengono soggiogato l’uomo: «…mi ha mandato a portare ai poveri un lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista, a rimettere in libertà gli oppressi» (Lc 4, 18); potere di perdonare, recuperare, salvare, riportare alla vita, risuscitare l’uomo.

Gesù ci mette in guardia dal non legare l’altro nei nostri lacci, fatti di giudizi e pregiudizi, di non inchiodarlo ai suoi sbagli, alle sue fragilità, di non soffocarlo con bassi moralismi. Occorre prestare molta attenzione a non legare l’altro con nessun legaccio, perché ciò che è legato rimane legato per sempre, questo è il significato profondo di: «tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo» (v. 18a). Giudicare una persona per il male commesso è ucciderla; identificare l’altro con il suo sbaglio è ridurlo al suo sbaglio, mentre l’uomo supera infinitamente sempre se stesso.

Siamo chiamati ad agire come Dio che scioglie le catene inique, toglie i legami che imprigionano, rimanda liberi gli oppressi spezzando ogni giogo (cfr. Is 58, 6).

Ma vivere alla maniera di Dio è solo opera della grazia, dell’opera sua nella nostra opera; per questo Gesù si premura di aggiungere questa frase: «Dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì sono in mezzo a loro» (v. 20). Giungere a saper sciogliere l’altro dalle mie interpretazioni spesso false e riduttive, dai miei biechi pregiudizi, per poterlo finalmente accettare in quanto altro, è dono dello Spirito, che illumina l’altro nella sua luce preziosa, e illumina me insegnandomi cosa fare in ogni istante per il suo bene.